Filtro acquario, interno o esterno ? Pro e contro

Filtro acquario: quale scegliere ? Dipende da vari fattori: che tipo di pesci andrete ad ospitare, il tipo di mangime usato, come preferite fare la manutenzione.

In questo articolo mi limiterò ad elencare i pro e i contro, per il resto a voi la scelta.

  • Filtro interno
    • Nessun ingombro esterno, non sempre c’è spazio per mettere un filtro sotto o di lato all’acquario.
    • Nessun rischio di fuoriuscita acqua. Quel che non c’è non si rompe, per quanto siano sicuri e garantiti il rischio di rottura accidentale rimane. Ad esempio è successo che il cane ha deciso di mordere i tubi e l’acqua è uscita.
    • Non c’è bisogno di aprire il filtro per fare la manutenzione, è già a portata di mano sotto il coperchio dell’acquario.
    • Economicità, un filtro interno costa meno all’acquisto.
  • Filtro esterno
    • Maggior volume filtrate: un filtro esterno può contenere un volume di materiale anche 10 volte superiore rispetto a un interno, permettendo così di ospitare pesci anche molto grandi.
    • Grazie alla grande capacità filtrante funziona bene anche se date mangimi molto inquinanti come i congelati, o in grandi quantità.
    • Nessun ingombro interno, lo spazio utile dell’acquario rimane completamente disponibile.
    • Possibilità di portare il filtro da un’altra parte per la manutenzione. Un filtro esterno si sgancia facilmente, in modo da fare la pulizia lontano dall’acquario. Utile nel caso l’acquario sia posizionato in luoghi poco accessibili.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.